jump to navigation

L’UE sul disastro ambientale ad Ischia: “Ci metteremo in contatto con le autorità italiane per verificare la corretta applicazione delle norme comunitarie” agosto 4, 2008

Posted by Andrea D'Ambra in 2004/35/ce, 79/409/cee, 92/43/cee, arpa campania, direttiva habitat, direttiva responsabilità ambientale, direttiva uccelli, disastro ambientale, enel, fondali marini, golfo di napoli, isola d'ischia, mare, natura 2000, pcb, policlorobifenili, procida, stavros dimas, umberto guidoni, vincenzo aita, vivara.
Tags:
trackback

http://www.assises-dechets.org/FCKeditorFiles/Image/edito/stavros-dimas.jpg

Stavros Dimas – Commissario UE all’Ambiente

La Commissione si metterà in contatto con le autorità italiane per verificare se la normativa comunitaria sia stata applicata correttamente nel caso di specie. “

Così si conclude la risposta della Commissione Europea all’interrogazione “Disastro ambientale ad Ischia” dello scorso 11 Giugno degli On. Europarlamentari Vincenzo Aita e Umberto Guidoni (Sinistra unitaria europea/Sinistra verde nordica) che chiedevano l’intervento dell’esecutivo europeo in difesa di un patrimonio ambientale comunitario quale quello dell’Isola d’Ischia.

Ora non ci resta che attendere gli sviluppi della vicenda sperando che venga fatta piena luce su quanto accaduto la scorsa estate nel mare dell’Isola d’Ischia dove, ricordiamo, in seguito alla rottura di un cavo dell’Enel l’Agenzia Regionale per l’Ambiente Campania (Arpac) ha rilevato presenza di PCB (Policlorobifenili) sostanza tossico-cancerogena per ben 1860 volte superiore ai limiti consentiti dalla legge.

Gli Eurodeputati Aita e Guidoni scrivevano:

INTERROGAZIONE SCRITTA E-3253/08
di Vincenzo Aita (GUE/NGL) e Umberto Guidoni (GUE/NGL)
alla Commissione

Oggetto: Disastro ambientale ad Ischia

Il 14 giugno 2007, è avvenuta la rottura di uno dei 4 cavi elettrici sottomarini ad alta tensione che costituiscono una linea elettrica che la società Enel spa mantiene, seppure mai autorizzata dalle competenti autorità italiane, tra Cuma, sulla costa della Campania, e Lacco Ameno, sull’isola di Ischia. All’interno di ogni cavo c’è un canale riempito di olio in pressione, con una sezione di 18 millimetri.

La rottura del cavo Enel ha causato la dispersione di olio fluido in mare e su altre matrici biologiche, con relativo inquinamento da Policlorobifenili (PCB, il cui utilizzo peraltro è stato vietato dalle autorità italiane già nel 1984) Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) Alchil benzene–lineare (Idrocarburi Aromatici) dell’Area Marina Protetta “Regno di Nettuno” e nell’ecosistema più importante del mar Mediterraneo indicato come “habitat prioritario” nell’allegato I della Direttiva Habitat (92/43/CEE), costituito dalle Praterie di Posidonia Oceanica.

Considerando il fatto che la zona toccata dalla dispersione di materie inquinanti è sito di interesse comunitario, non ritiene opportuno la Commissione intervenire in difesa di un patrimonio ambientale comunitario?

E la Commissione ha così risposto:

E-3253/08IT
Risposta di Stavros Dimas
a nome della Commissione
(30.7.2008)

Il sito marino Natura 2000 “Fondali marini di Ischia, Procida e Vivara” (codice IT8030010) è compreso nell’elenco dei siti di importanza comunitaria stilato in forza della direttiva Habitat [1], in particolare per la conservazione dei banchi di sabbia, delle praterie di posidonie e delle scogliere in esso presenti. Per il suo interesse ornitologico è stato inoltre classificato in Italia tra le zone di protezione speciale a norma della direttiva Uccelli [2]. L’Italia è pertanto tenuta, in conformità di queste due direttive, ad adoperarsi per garantire il mantenimento o il ripristino del valore di conservazione del sito.

Nel caso di specie potrebbe essere di applicazione anche la direttiva Responsabilità ambientale [3] : nell’eventualità in cui fosse arrecato un danno grave a specie e/o habitat naturali protetti (ad esempio in relazione al sito Natura 2000 “Fondali marini di Ischia, Procida e Vivara”) e qualora fosse possibile stabilire un comportamento doloso o colposo dell’operatore, si applicherebbe infatti l’articolo 3, paragrafo 1, lettera b), di tale direttiva. Se così fosse, occorrerebbe adottare azioni di riparazione in conformità della direttiva Responsabilità ambientale.

La Commissione si metterà in contatto con le autorità italiane per verificare se la normativa comunitaria sia stata applicata correttamente nel caso di specie.

—-

[1] Direttiva 92/43/CEE del Consiglio, del 21 maggio 1992, relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche, GU L 206 del 22.7.1992.
[2] Direttiva 79/409/CEE del Consiglio, del 2 aprile 1979, concernente la conservazione degli uccelli selvatici, GU L 103 del 25.4.1979.
[3] Direttiva 2004/35/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 aprile 2004, sulla responsabilità ambientale in materia di prevenzione e riparazione del danno ambientale, GU L 143 del 30.4.2004.

About these ads

Commenti»

1. Andrea D'Ambra - agosto 4, 2008

Per chi non l’avesse letto:
Acqua inquinata a Sant’Angelo d’Alife: Enel, pronti a bonificare
http://altocasertano.wordpress.com/2007/10/06/santangelo-dalifece-speciale-su-caso-acqua-avvelenata-da-pcb-policlorulo-di-bifenile-nel-comune-matesino-interrogazione-del-sen-sodano-a-turco-e-pecoraro-scanio/

L’Enel si dice pronta a collaborare per la bonifica dei pozzi inquinati da Pcb a Sant’Angelo di Alife dopo i rilievi dell’Arpac che hanno portato alla chiusura dell’aquedotto da parte dell’amministrazione comunale. La contaminazione della falda freatica è legata allo scoppio, nel 2005, di una centrale Enel nelle vicinanze della sorgente che alimenta il Paese e alla conseguente diffusione, nel terreno, di un olio refigerante che contiene Pcb. L’Enel, intanto, ricostruisce tutte le fasi della vicenda sottolineando di aver effettuato tutte le procedure di prevenzione previste e ripetuti controlli negli ultimi due anni, risultati sempre negativi. Sono in corso ulteriori analisi dell’Arpac direttamente sull’acqua dei pozzi principali. In merito alla contaminazione da Pcb (policlorobifenili) di tre pozzi d’acqua nel comune di S.Angelo d’Alife (Caserta), l’Enel precisa – in una nota – che a seguito del versamento di 50 litri d’olio avvenuto nel luglio 2005 nel comune in provincia di Caserta, a causa della rottura di un trasformatore colpito da un fulmine, vennero immediatamente attuate tutte le procedure previste dalla normativa vigente per la messa in sicurezza di emergenza dell’area. In particolare – prosegue la nota – venne tempestivamente effettuata l’asportazione sia dello strato superficiale del suolo, per 7.260 Kg di terreno, sia del materiale assorbente che era stato utilizzato sul sito per i primi interventi di emergenza, e vennero prelevati campioni di terreno e di acqua nei pozzi presenti nell’area. L’Enel, attenendosi a quanto stabilito dalle normative, ha effettuato insieme all’Arpac analisi sui campioni di terreno e sui campioni di suolo superficiale, che non sono risultati contaminati. Altri campioni prelevati dall’Arpac, non direttamente dalla falda che alimenta l’acquedotto comunale, ma da un pozzetto di controllo, hanno invece evidenziato, un certo grado di contaminazione. Ensi dice l è certa di aver effettuato tutte le azioni necessarie a circoscrivere ed eliminare le conseguenze della contaminazione. (Fonte : IL Denaro)

2. L’ UE sul disastro ambientale a Ischia - agosto 4, 2008

[...] continua sul blog di Andrea D’Ambra Condividi : [...]

3. PCB NEL MARE DELL’ISOLA D’ISCHIA - NUOVA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE REGIONALE ON. PIETRO DIODATO « Andrea D’Ambra - www.andreadambra.eu - agosto 6, 2008

[...] Appena qualche giorno fa veniva riportata su questo blog la volontà della Commissione Europea di mettersi in contatto con le Autorità Italiane per verificare il rispetto delle norme comunitarie su quanto accaduto davanti alle coste di Lacco Ameno e Casamicciola Terme, sull’Isola d’Ischia. [...]

4. DISASTRO AMBIENTALE AD ISCHIA: GLI EUROPARLAMENTARI AITA E GUIDONI CHIEDONO AGGIORNAMENTI ALLA COMMISSIONE EUROPEA « Andrea D’Ambra - www.andreadambra.eu - marzo 19, 2009

[...] aveva risposto a fine Luglio 2008 confermando l’importanza comunitaria del Sito rappresentato dai Fondali [...]

5. Ischia – DISASTRO AMBIENTALE AD ISCHIA: GLI EUROPARLAMENTARI AITA E GUIDONI CHIEDONO AGGIORNAMENTI ALLA COMMISSIONE EUROPEA - marzo 19, 2009

[...] aveva risposto a fine Luglio 2008 confermando l’importanza comunitaria del Sito rappresentato dai Fondali marini [...]

6. Ecomagazine - Rifiuti e Bonifiche » Blog Archive » DISASTRO AMBIENTALE AD ISCHIA: GLI EUROPARLAMENTARI AITA E GUIDONI CHIEDONO AGGIORNAMENTI ALLA COMMISSIONE EUROPEA - marzo 19, 2009

[...] aveva risposto a fine Luglio 2008 confermando l’importanza comunitaria del Sito rappresentato dai Fondali [...]

7. Procida – Disastro ambientale ad Ischia: gli europarlamentari Aita e Guidoni chiedono aggiornamenti alla Commissione Europea - marzo 21, 2009

[...] aveva risposto a fine Luglio 2008 confermando l’importanza comunitaria del Sito rappresentato dai Fondali marini [...]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: