jump to navigation

ITALIA.IT: Generazione Attiva a Neapolis gennaio 22, 2008

Posted by Andrea in generazione attiva, innovazione, italia.it, neapolis, nicolais, raitre, rutelli, soldi pubblici, sprechi, stanca, turismo.
Tags:
add a comment
L'immagine “https://i1.wp.com/www.rai.tv/MediaPortale/pub/static/2007/10/t_neapolis.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.L'immagine “https://i0.wp.com/neapolis.blog.rai.it/files/2008/01/italia1.thumbnail.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

ITALIA.IT: il servizio (Videotrascrizione) andato in onda nella trasmissione di ieri di Neapolis che cita anche Generazione Attiva

Grazie a Massimo per la segnalazione

Annunci

ITALIA.IT – Chiude il portale costato oltre 45 Milioni di Euro gennaio 20, 2008

Posted by Andrea in amministrazione, atti pubblici, generazione attiva, governo, innovazione, italia.it, soldi, sprechi, trasparenza, turismo.
Tags:
add a comment
https://i1.wp.com/www.onyrix.com/wp-uploads/2007/03/italia_it.jpg

Il Governo ha chiuso definitivamente Italia.it il portale del turismo costato oltre 45 milioni di Euro.

Post Precedenti:

23 Novembre 2007 – ITALIA.IT – Il Governo a Generazione Attiva: “non avete diritto d’accesso agli atti pubblici del portale costato 45 milioni di Euro

19 Agosto 2007 – ITALIA.IT – Dopo soli 50 giorni il Governo risponde a Generazione Attiva (e che risposta!)

4 Giugno 2007 – ITALIA.IT – GENERAZIONE ATTIVA CHIEDE ACCESSO AGLI ATTI DEL PORTALE COSTATO 45 MILIONI DI EURO

ITALIA.IT – Il Governo a Generazione Attiva: “non avete diritto d’accesso agli atti pubblici del portale costato 45 milioni di Euro” novembre 23, 2007

Posted by Andrea in diritto di accesso agli atti, generazione attiva, governo, italia.it, scandalo italiano, soldi pubblici, sprechi, svezia, trasparenza.
Tags:
38 comments

Chi segue la vicenda che va avanti ormai da molto tempo ricorderà che Generazione Attiva, lo scorso Giugno, fu l’unica associazione in difesa dei consumatori a far proprio l’appello lanciato di scandalo italiano che chiedeva l’accesso agli atti pubblici relativi al portale ITALIA.IT costato 45 milioni di euro o più. (Qui la richiesta)

Dopo appena 5 mesi e tantidi rinvii arriva rapida la risposta del Governo, Dipartimento per l’Innovazione e le Tecnologie, a firma del capo dipartimento Ing Ciro Esposito, che in pratica ci scrive che Generazione Attiva, associazione nazionale indipendente in difesa dei consumatori, nata dalla vittoriosa battaglia per l’abolizione dei costi di ricarica dei telefonini, non è legittimata all’accesso degli atti pubblici del portale ITALIA.IT. (Qui la risposta)

Generazione Attiva ringrazia il Governo per la trasparenza con cui opera e per la pronta e rapida risposta fornita.

Mi viene da dire… Proprio come in Svezia!

L'immagine “https://i2.wp.com/i105.photobucket.com/albums/m227/philotto/Spigolature/logoscandaloita.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Presidenza del Consiglio dei Ministri
Dipartimento per l’innovazione e le tecnologie
Ufficio per l’ordinamento giuridico della società dell’informazione

Oggetto: Richiesta di parere sul diritto di accesso ai documenti amministrativi

Il dipartimento per il coordinamento amministrativo ha trasmesso a questo Ufficio la lettera del 25 Luglio 2007 diretta anche a codesta Associazione, con la quale è stata trasmessa la richiesta volta ad ottenere il rilascio della documentazione attinente la realizzazione del progetto portale turismo italia.it
Questo dipartimento ha ritenuto di richiedere il parere della Commissione per l’accesso ai documenti amministrativi sul procedimento amministrativo, come previsto dalle leggi n 241/90 e n. 15=05, al fine di verificare la sussistenza o meno della legittimità, per codesta Associazione, di esercitare l’accesso alla documentazione suddetta.
A seguito dell’esame della domanda, la commissione ha concluso, con un motivato parere, che la domanda di accesso, come formulata da codesta Associazione, “…non rientra tra i diritti specifici dei consumatori…in quanto finalizzata genericamente a conoscere i costi della pubblica amministrazione, in funzione di un generico ed indistinto interesse al contenimento della spesa pubblica”.
Pertanto, conformemente alla pronuncia della Commissioni, si porta a conoscenza che la prodotta richiesta di accesso non può essere accolta.

Il Capo Dipartimento
Ing Ciro Esposito

ITALIA.IT – Dopo soli 50 giorni il Governo risponde a Generazione Attiva (e che risposta!) agosto 19, 2007

Posted by Andrea in consumatori, contribuenti, generazione attiva, governo, innovazione, italia.it, presidenza del consiglio dei ministri, pubblica amministrazione, scandalo italiano, sprechi, turismo.
13 comments

L'immagine “https://i2.wp.com/i105.photobucket.com/albums/m227/philotto/Spigolature/logoscandaloita.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Dopo soli 50 giorni la Presidenza del Consiglio ha finalmente risposto alla richiesta di Generazione Attiva, inviata il 4 giugno 2007 e con la quale l’associazione, facendo propria la petizione di scandaloitaliano, ha chiesto accesso ai documenti di gara e di progetto del portale italia.it (costato circa 45 Milioni di Euro, ricordiamolo).

Con una lettera datata 25 Luglio 2007, inviata per conoscenza anche al dipartimento per l’innovazione e le tecnologie, il Governo informa che “in riferimento all’istanza di accesso indicata in oggetto (generazione attiva – richiesta di accesso a documenti amministrativi ex legge n241/1990 portale italia.it), ad ogni buon fine allegata in copia, si comunica che l’ufficio competente è il Dipartimento per l’innovazione e le tecnologie di questa Presidenza del Consiglio dei Ministri“.

Come fa notare frap1964 sul suo blog:

“La Commissione Europea (da Bruxelles) ad una analoga lettera spedita il 16 luglio 2007 ha risposto in soli 15 giorni e spedito in uno. Cosa deduciamo da tutto ciò?

Che si tratta di una nuova e vergognosa manovra dilatoria (è la seconda).”

ITALIA.IT – GENERAZIONE ATTIVA CHIEDE ACCESSO AGLI ATTI DEL PORTALE COSTATO 45 MILIONI DI EURO giugno 4, 2007

Posted by Andrea in battaglie, consumatori, governo, inchiesta, innovazione tecnologica, pubblica amministrazione, scandalo italiano, sprechi.
1 comment so far

L'immagine “https://i2.wp.com/i105.photobucket.com/albums/m227/philotto/Spigolature/logoscandaloita.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Ischia – NA – 4 Giugno 2007 – Generazione Attiva, Associazione Nazionale Indipendente in difesa dei Consumatori, ha inviato oggi richiesta formale alla Presidenza del Consiglio dei Ministri nonché ai Ministri Rutelli e Nicolais con la quale si chiede l’accesso a documenti amministrativi ex legge 241/1990 relativi al portale ITALIA.IT


Nella lettera Generazione Attiva, riprende alcuni stralci della lettera aperta di “Scandalo Italiano”, sottoscritta da circa 1500 cittadini e ricorda come:

 

“Dal giorno del suo debutto Italia.it è stato oggetto di una valanga clamorosa di critiche da parte di tutto il mondo web, italiano e non: tecnici, designers, comunicatori, esperti di marketing turistico online, bloggers e semplici utenti.
Accanto a loro un inspiegabile ed assordante silenzio dei canali istituzionali, della stampa e dei media televisivi; con qualche rara eccezione dei pochi che ne hanno trattato marginalmente.
Il portale, che del progetto “Scegli Italia” rappresenta l’elemento catalizzatore per il rilancio del turismo italiano, si è rivelato, alla prova dei fatti, del tutto inadeguato allo scopo.
In considerazione delle ingenti risorse economiche allocate, 45 milioni di euro o più, e del tempo trascorso dall’inizio del progetto, varato il 16 marzo 2004, la cosa appare ancor più grave.
Dal 22 febbraio scorso, data di presentazione del portale, si è assistito ad un balletto di cifre, comunicati, interviste, riunioni di osservatori, interrogazioni e smentite dai quali emerge una sola cosa: una sostanziale assenza di trasparenza e limpidezza su tutta la vicenda.”

 

L’Associazione di consumatori conclude con la richiesta, ai sensi 241/1990 di mettere a disposizione su di un sito istituzionale o di far pervenire all’indirizzo di posta elettronica dell’associazione o per posta tradizionale copia dei seguenti documenti:


* studio di fattibilità completo del progetto Scegli Italia
* costo totale previsto dell’intero progetto, con dettaglio
* convenzioni tra DIT e Innovazione Italia per l’esecuzione del progetto Italia.it
* bando di gara
* capitolato
* elenco imprese o RTI partecipanti alla gara
* documento di aggiudicazione con dettaglio dei criteri adottati e motivazioni
* risultati del benchmark internazionale sulle offerte presentate
* contratto in essere con il RTI: IBM, ITS e Tiscover
* atto transattivo del 2006 con il RTI: IBM, ITS e Tiscover con dettaglio motivazioni

 

La lettera inviata da Generazione Attiva: http://www.aboliamoli.eu/richiesta_accesso_atti_italia_it.pdf

 

Generazione Attiva

Associazione Nazionale Indipendente in difesa dei Consumatori

http://www.generazioneattiva.it