jump to navigation

PCB NEL MARE DI ISCHIA – INTERROGAZIONE PARLAMENTARE DELL’ON ACERBO gennaio 28, 2008

Posted by Andrea in ambiente, enel, interrogazione parlamentare, ischia, mare, maurizio acerbo, pcb, politiche agricole, regno di nettuno, salute.
Tags:
trackback
L'immagine “https://i2.wp.com/fr.camera.it/_dati/leg15/SchedeDeputatiPrototipo/foto/d302077.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Allegato B – Seduta n. 270 del 21/1/2008

AMBIENTE E TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

Interrogazione a risposta scritta:

ACERBO. – Al Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, al Ministro della salute, al Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali. – Per sapere – premesso che:
a seguito della rottura di 1 dei 4 cavi Enel di una nuova linea sottomarina ad alta tensione non in possesso delle necessarie autorizzazioni presso lo stabilimento balneare «Bagno Vito», località Lacco Ameno, è stato riscontrato dall’Agenzia regionale di protezione ambientale della regione Campania (ARPAC) (prelievo del 19 luglio 2007 rapporto di prova n. 200704583-001) la presenza di inquinanti PCB totali rilevata è pari a 0,112 mg/L, 186 (centoottantasei) volte superiori al valore di 0,0006 mg/L previsto come standard di qualità ambientale per le acque superficiali dal decreto ministeriale 367/03, Tab 1-10;
all’interno del cavo c’era un canale riempito di olio in pressione, con una sezione di 18 millimetri. La rottura del cavo ha causato la dispersione in mare nell’area marina protetta «Regno di Nettuno» (A.M.P.) di almeno 52 tonnellate di olio fluido contenente policlorobifenili (di seguito PCB);
l’Arpac ha certificato con nota n. 1074 del 19 ottobre 2007 che essendo trascorso del tempo dall’incidente, i PCB hanno ridotto il loro carico inquinante in acqua a seguito delle mareggiate;
i PCB sono inquinanti inseriti anche nella tabella 1/B del decreto legislativo 156/06 al punto 11 con obbligo di segnalazione al Ministero dell’ambiente;

negli organismi marini i valori di PCB aumentano in maniera esponenziale rispetto alla concentrazione rinvenuta nelle acque;
il PCB è sostanza non biodegradabile e lipoaffine, capace di spostarsi lentamente nel mare dove trova l’aiuto delle correnti andando così a depositarsi e accumularsi nei fondali marini e negli organismi viventi delle zone prospicienti a quella interessata dalla perdita;
i PCB sono considerati per la loro tossicità nei confronti dell’uomo, tra gli inquinanti più pericolosi poiché la loro stabilità ai diversi attacchi chimici li rende difficilmente degradabili acuendo l’effetto di bioaccumulazione negli organismi viventi;
i PCB sono inclusi (protocollo UN/CEE di Stoccolma, maggio 2001) nei cosiddetti POPs (persistent organic pollutants) composti organici persistenti, bioaccumulabili, che permangono lungo la battigia assorbiti dalla sabbia e risalgono, soprattutto attraverso i prodotti ittici, la catena alimentare all’uomo;
i PCB hanno rilevanti effetti tossici, quali bruciori agli occhi e dermatiti e provocano danni a medio e lungo termine al sistema immunitario, alla tiroide e al fegato;
nonostante il gravissimo episodio e l’entità del disastro ambientale, denunciati dalla data del 14 giugno 2007, ad oggi non pare vi sia stato alcun iter di programmazione per la bonifica della zona a tutela della salute pubblica, consentendo al contrario, la balneazione e regolari attività di pesca;
gli impianti di cavi sottomarini, della tratta Cuma-Lacco Ameno, sono «a tenuta» mediante olio. Fisicamente, se si registra un abbassamento di pressione dell’olio, significa che c’è una perdita nel tratto sottomarino, pertanto nelle stazioni situate ai capi dei cavi si pompa altro olio, per consentire sia di salvare il cavo ad alta tensione da un’eventuale contatto con l’acqua sia di individuare il punto in mare con della fuoruscita di olio. Risulta all’interrogazione che cosi è avvenuto anche a Lacco Ameno, dove è stato continuamente pompato nuovo olio nei cavi dalla stazione di Lacco Ameno;
le caratteristiche dei cavi unipolari utilizzati nella tratta Cuma-Lacco Ameno ad alta tensione, non consentono l’utilizzo di olio dielettrico normale in quanto le alte tensioni provocano in questo olio fenomeni di ionizzazioni corrosive e progressiva carbonizzazione del dielettrico. Per questi motivi viene usato olio fluido il cui contenuto di PCB è stato dichiarato dall’Enel e dalla Prefettura di Napoli nella risposta scritta all’atto del Senato nel fascicolo 139 all’interrogazione 4-05441 presentata dal senatore Boco, nella scorsa legislatura, sia alla Commissione europea nel ricorso 2003/5243;
il disastro ambientale di Ischia è aggravato dall’età dei cavi. Si tratta infatti di conduttori risalenti al 1987, (commessa 404/87). All’epoca i limiti di legge vigenti di tolleranza di PCB erano decisamente più alti rispetto ad oggi. Solo l’anno dopo, nel 1988, sarebbe stata vietata l’immissione sul mercato di PCB;
la posa dei cavi viene fatta dall’Enel nel 1992, quindi già con la legge dell’88 in vigore. Si tratta quindi, ad avviso dell’interrogante, di cavi palesemente irregolari. L’operazione di posa in opera terminò il 26 novembre 1992, quando i cavi giunsero a Ischia, occupando 69.000 metri quadri del demanio marittimo, senza che risulti alcuna concessione alla posa e al mantenimento dei cavi stessi;
esiste invece una concessione ex post per la posa e il mantenimento dei cavi sottomarini indicata dal numero 133/94 del 14 giugno 1994 valida per il solo periodo 31 ottobre 1992-31 dicembre 1993. Come ricorda l’avvocato Cocozza, per conto del Comune di Casamicciola Terme, «l’Enel non è in possesso dell’autorizzazione all’esercizio della linea elettrica Cuma-Lacco Ameno o di un decreto regionale di autorizzazione». Osservando gli atti esistenti risulta che l’unica autorizzazione regionale rilasciata in favore dell’Enel, DPGR 3651 dell’11 aprile 1994, limita la costruzione e l’esercizio di una linea elettrica a 150.000 volt in cavo sotterraneo, e non sottomarino, e una cabina primaria all’aperto e non coperta come invece realizzata dall’Enel, decreto regionale

che a distanza di oltre 14 anni ad oggi, non ha consentito neanche l’esproprio dei terreni di proprietà della Curia su cui è stata costruita la stazione primaria di Lacco-Ameno. Terreni ancora nel titolo di proprietà della Curia che non li reclama;
i predetti cavi non assicurano e non hanno mai assicurato l’alimentazione dell’isola d’Ischia, (in realtà attualmente l’isola d’Ischia è regolarmente alimentata con 5 cavi sottomarini a MT (non ad olio fluido) per complessivi 75MW provenienti dalla stazione di Foce Vecchia 60/30/20, inserita ad anello e con doppi sistemi di alimentazione con le stazioni di Patria 380/150 KV, Cuma 150/20 KV, KV, Pozzuoli 220/60 KV, che giungono alle stazioni MT 30/10KV di Ischia e Forio anche esse ad anello e con doppi sistemi di alimentazione: servizio + riserva);
quanto è accaduto nello scorso mese di luglio 2007, nei mari di Ischia è il secondo incidente sui medesimi cavi. Il precedente è avvenuto nell’aprile 2000 e la Capitaneria di Porto solo ad intervento completato da parte della Pirelli cavi emise l’ordinanza n. 51/2000 e non fu attivato nessun controllo per la fuoriuscita di olio contenente PCB;
i recenti incidenti del luglio 2007 ai 3 trasformatori ad alta tensione a Barcellona, in Spagna, sostengono in maniera inequivocabile a quali potenziali rischi sarebbe esposto il centro abitato di Lacco Ameno, l’attiguo ospedale e la scuola media comunale, per la presenza di una stazione primaria di trasformazione e la relativa produzione di diossina;
l’Enel non ha mai dichiarato al comune di Lacco Ameno o meglio alla regione Campania titolare del potere amministrativo di autorizzazione, la messa in esercizio di questa nuova linea a 150.000 volt sottomarina e inquinante;
nella nota del comune di Lacco Ameno n. 16147 del 6 dicembre 2007 indirizzata all’ASL NA2 – Dipartimento di prevenzione Ischia si denuncia l’inquinamento da PCB dei litorali di Casamicciola e Lacco Ameno;
nella nuova legislazione si fissano i livelli massimi per i PCB negli animali, perciò va presa in considerazione la presenza di un impianto di stabulazione di tonni in località Carruggio intorno all’isola di Procida -:
se i Ministri interrogati non ritengano necessario che vengano attivati ad horas, i controlli dei prodotti ittici provenienti dalle zone di mare intorno all’isola d’Ischia finalizzato alla ricerca di PCB (policlorobifenili), IPA (idrocarburi policromatici) e alchil benzeni lineari, e la conseguente rimozione dei cavi ad olio fluido;
se non ritengano urgente sollecitare le istanze di competenza territoriale, ASL compresa, al fine di porre atto a tutti gli accertamenti necessari alla tutela della salute della cittadinanza, in quanto a tutt’oggi non risulta esistere alcun provvedimento relativo all’interdizione alla balneazione, al divieto di pesca, alla sorveglianza di un impianto di stabulazione di tonni in località Carrugio, intorno all’isola di Procida, al piano di bonifica della zona, alla tutela dell’area protetta «Regno di Nettuno».
(4-06153)

Da Camera.it

Commenti»

1. apolide - marzo 9, 2008

Invece di parlare di problemi ambientali (senza nulla togliere alla loro importanza), perchè il nostro caro deputato (uscente) di PRC non ci dice cosa intende fare a proposito del fenomeno (sommerso, ma oramai non più di tanto) del satanismo a Pescara? O forse ha molto da dire in merito e tiene la bocca cucita perchè non gli conviene?

2. PCB nel mare dell’Isola d’Ischia - Tris rosa di interrogazioni ed interpellanze al Ministro dell’Ambiente Prestigiacomo « Andrea D’Ambra - www.andreadambra.eu - giugno 5, 2008

[…] l’argomento su questo blog sa che nella scorsa legislatura già l’On Acerbo (RC) in data 21 Gennaio e la Sen. Rame (IDV) in data 26 Febbraio avevano presentato ciascuno una interrogazione al Ministro […]


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: