jump to navigation

ECCO L’ELENCO DEI CONTI DORMIENTI DI ISCHIA E PROCIDA febbraio 9, 2009

Posted by Andrea D'Ambra in soldi.
Tags: , , , , , , , , ,
add a comment

paperone

Torno sul tema dei “conti dormienti” di cui mi sono già occupato su questo blog lo scorso 15 Gennaio .

Generazione Attiva ha stilato l’elenco dei conti dormienti delle Isole di Ischia e Procida sulla base dei dati forniti dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. L’elenco è disponibile qui (in formato pdf)

Ricordo che sono considerati “dormienti” tutti quei conti correnti, fondi comuni, certificati di deposito, azioni e obbligazioni di importo superiore a 100 euro, per i quali negli ultimi dieci anni non sia stata effettuata alcuna operazione o movimentazione da parte del titolare, o di un suo delegato. Se nessuno li reclamerà questi verranno trasferiti automaticamente allo Stato.

Generazione Attiva è a disposizione dei titolari dei conti dormienti o dei familiari e/o conoscenti (in caso di persone decedute o residenti all’estero) che possono rivolgersi all’associazione per informazioni e/o assistenza su come recuperare tali somme.

798.404.099,50 Euro dormienti: controllate se ci sono anche i vostri! gennaio 15, 2009

Posted by Andrea D'Ambra in soldi.
Tags: , , , , , ,
17 comments

http://www.mondopoliticablog.com/wp-content/uploads/2008/03/banconote.jpg

Anche se era più semplice “risvegliarli” entro il 15 Dicembre scorso, oggi è ancora possibile farlo ma con un procedimento più complicato.

In base al Regolamento di attuazione della Finanziaria 2006 in materia di depositi dormienti entrato in vigore nell’Agosto 2007 queste somme, se non reclamate, andranno in un fondo del Tesoro destinato prevalentemente a risarcire le vittime di crack finanziari.

Sono considerati “dormienti” tutti quei conti correnti, fondi comuni, certificati di deposito, azioni e obbligazioni di importo superiore a 100 euro, per i quali negli ultimi dieci anni non sia stata effettuata alcuna operazione o movimentazione da parte del titolare, o di un suo delegato.

Secondo i dati diffusi dal Ministero, il numero dei conti dormienti al 15 novembre è di 1.071.590 per un ammontare complessivo pari a 798.404.099,50 euro.

Per sapere se fra questi ci sono anche soldi vostri (o di vostri familiari) è possibile controllare agevolmente  grazie al motore di ricerca presente sull’apposito sito del Ministero, a cui ci si potrà rivolgere per la restituzione delle somme .

GENERAZIONE ATTIVA
ASS. NAZ. INDIPENDENTE IN DIFESA DEI CITTADINI- CONSUMATORI
www.generazioneattiva.it

1° ANNO SENZA COSTI DI RICARICA: UN RISPARMIO DI 1,9 MILIARDI DI EURO marzo 5, 2008

Posted by Andrea D'Ambra in abolizione, consumatori, costi di ricarica, generazione attiva, istat, miliardi di euro, risparmio, soldi, telefonia.
Tags:
4 comments
L'immagine “http://www.aboliamoli.eu/dambrabersani.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Oggi ricorre il primo anniversario dall’abolizione dei costi di ricarica dei telefonini. Secondo l’Istat in questo primo anno gli italiani hanno risparmiato grazie a questa iniziativa 1,9 MILIARDI DI EURO (che fino ad un anno fa andavano nelle tasche dei gestori di telefonia mobile TIM, VODAFONE, WIND E TRE).

Aboliamoli.eu lo storico sito dell’iniziativa

Generazione Attiva, l’associazione in difesa dei cittadini-consumatori nata dalla vittoria sui costi di ricarica

“Costi di ricarica. Secondo l’indice dei prezzi dell’Istat, nel 2007 i costi per la telefonia mobile sono diminuiti del 14,6%, effetto dovuto all’abolizione dei costi di ricarica sulle schede telefoniche. Il risparmio complessivo è stato di  circa 1,9 miliardi di euro all’anno”.

Newsfood.com 

“[...]mentre nelle tlc, l’abolizione dei costi di ricarica sulle schede telefoniche ha prodotto un risparmio di circa 1,9 miliardi di euro all’anno. “

 Tuttoconsumatori

[CONCORSO] Scegli il disegno della nuova moneta da 2 euro febbraio 9, 2008

Posted by Andrea D'Ambra in 2 euro, banconote, concorso, disegno, euro, europa, moneta, moneta unica, soldi, sondaggio, unione economica e monetaria, voto.
Tags:
2 comments

Bozzetti per la moneta commemorativa

I cittadini europei possono votare il loro disegno preferito per la moneta da 2 euro destinata a commemorare i 10 anni della moneta unica

Per celebrare il decimo anniversario dell’euro DeutschελληνικάEnglishespañolfrançaisMaltislovenčina e dell’Unione economica e monetaria europea, nel 2009 i 15 paesi membri dell’area dell’euro emetteranno una moneta commemorativa da 2 euro con un nuovo disegno.A seguito di un concorso tra le zecche nazionali dei paesi che hanno adottato l’euro, ciascuna delle quali ha proposto una serie di disegni, spetta ora al pubblico scegliere il disegno vincente su un apposito sito web.

La votazione si chiuderà il 22 febbraio e il disegno vincente sarà proclamato tre giorni dopo. Tra chi avrà votato quel disegno verrà estratto a sorte un vincitore, che si aggiudicherà un premio consistente in una serie di monete in euro da collezione di elevato valore.

Il 1° gennaio 1999, l’euro è diventato la moneta di 11 paesi dell’UE, che hanno contemporaneamente deciso di condurre una politica monetaria unica, sotto la responsabilità della Banca centrale europea English. Per tre anni si è continuato ad usare le banconote e le monete nazionali ma, dato che il valore delle valute nazionali rispetto all’euro era stato prefissato, si può dire che, nonostante le apparenze, l’euro era in realtà già in uso. Le monete e banconote in euro sono entrate in circolazione nel 2002.

L’euro e il mercato unico europeo hanno come quadro politico ed economico di riferimento l’Unione economica e monetaria DeutschελληνικάEnglishespañolfrançaisslovenčina. Questa ha contribuito a mantenere basso il livello dell’inflazione e dei tassi d’interesse, a vantaggio dei consumatori e delle imprese, ed ha incoraggiato i governi a mantenere finanze pubbliche sane. Grazie alla moneta unica, sono venute meno le spese di cambio ed è diventato facile il confronto dei prezzi tra i 15 paesi che fanno oggi parte dell’area dell’euro.

Dieci anni dopo il suo varo, l’euro è una moneta forte e stabile che si è saldamente imposta come valuta internazionale DeutschEnglishespañolfrançaisslovenčina.

Per votare il vostro disegno preferito

Fonte

ITALIA.IT – Chiude il portale costato oltre 45 Milioni di Euro gennaio 20, 2008

Posted by Andrea D'Ambra in amministrazione, atti pubblici, generazione attiva, governo, innovazione, italia.it, soldi, sprechi, trasparenza, turismo.
Tags:
add a comment
http://www.onyrix.com/wp-uploads/2007/03/italia_it.jpg

Il Governo ha chiuso definitivamente Italia.it il portale del turismo costato oltre 45 milioni di Euro.

Post Precedenti:

23 Novembre 2007 – ITALIA.IT – Il Governo a Generazione Attiva: “non avete diritto d’accesso agli atti pubblici del portale costato 45 milioni di Euro

19 Agosto 2007 – ITALIA.IT – Dopo soli 50 giorni il Governo risponde a Generazione Attiva (e che risposta!)

4 Giugno 2007 – ITALIA.IT – GENERAZIONE ATTIVA CHIEDE ACCESSO AGLI ATTI DEL PORTALE COSTATO 45 MILIONI DI EURO

TFR: Che fare? Generazione Attiva intervista il Prof. Beppe Scienza giugno 19, 2007

Posted by Andrea D'Ambra in assicurazioni, azioni, banche, beppe scienza, fondi pensione, governo, la pensione tradita, obbligazioni, pensione integrativa, risparmio, soldi, tfr, trattamento fine rapporto.
add a comment

TFR: COSA FARE? GENERAZIONE ATTIVA LO CHIEDE AL PROF. BEPPE SCIENZA, AUTORE DE “LA PENSIONE TRADITA”

 

Generazione Attiva ha posto oggi alcune domande a Beppe Scienza, Professore di Matematica all’Università di Torino, autore tra l’altro de La pensione tradita, libro andato in classifica la settimana scorsa su la Repubblica e il Corriere della Sera, che invita a rifiutare i fondi pensione e a tenere il TFR in azienda.

 

Leggi l’intervista

“Quel crumiro di Mastella…” maggio 31, 2007

Posted by Andrea D'Ambra in crumiro, fuori onda, governo, mastella, scoop, soldi, striscia la notizia, visco.
1 comment so far

Il Video del clamoroso fuori onda di Striscia la Notizia

Visco: “Quel crumiro di Mastella… si è preso un sacco di soldi

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.